Messico su un piatto d’argento

La cucina in stile messicano è composta da piastrelle patchwork colorate alle pareti, piastrelle dipinte a mano sul pavimento, lavandini in rame e lampade. I messicani nel piatto sono piatti multicolori con una varietà di odori e sapori. I più noti sono taco, buritto, quesadilla, chili con carne o guacamole.

Un mix meraviglioso

 La cucina messicana è un mix insolito. Unisce le tradizioni culinarie del Vecchio e del Nuovo Mondo. I conquistadores hanno portato elementi della cucina spagnola nel continente americano. Grazie a loro, in Messico sono apparsi carne di manzo, maiale e formaggio. In epoca precolombiana gli indiani non conoscevano il grasso – il cibo era cotto al vapore, al forno o al forno. Il Messico, invece, ha dato al mondo pomodori, peperoni, patate, avocado, fagioli, mais, zucca, ignami, arachidi, cacao, vaniglia – prodotti senza i quali è difficile immaginare un menù moderno.

La tortilla è la base

Nonostante le influenze europee, la cucina messicana non ha perso il suo carattere. La dieta del popolo messicano si basa sui tre prodotti più importanti: fagioli, mais e peperoncino. La maggior parte dei piatti sono a base di tortilla, una sottile torta di mais o di farina di frumento. A seconda della regione, oltre che dei gusti culinari, questi dolci sono farciti con carne, fagioli neri e patate.

Nella versione americana, il buritto viene servito con più ingredienti e servito con guacamole, salsa o panna. Un altro piatto a base di tortilla è la quesadilla. In questo caso, la frittella viene tradotta in formaggio, piegata a metà e riscaldata in un piatto speciale a fuoco lento in modo che il formaggio si sciolga e la tortilla non cuoca troppo. Al formaggio si possono aggiungere peperoni jalapeno tritati o salsicce chorizo. Piccoli pezzi di tortilla cotti su una teglia sono nachos famosi in tutto il mondo. Le torte croccanti vengono servite come spuntino. Sono imbevuti di guacamole, salsa o formaggio fuso.

Tra le feste e il digiuno

La cucina messicana è saldamente radicata nella storia e nella cultura del paese. Nel novembre 2010 è stato iscritto nella lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità (UNESCO). Oltre alla ricchezza dei sapori e alle tecniche culinarie secolari, è stata apprezzata l’atmosfera che accompagna i pasti. I messicani amano le feste, il ballo e il canto. Festeggiare in un gruppo numeroso è un’opportunità per divertirsi e rafforzare i legami familiari. In Messico, la tradizione culinaria è stata associata alla fede cristiana per secoli. Il calendario degli eventi religiosi determina il modo di mangiare. Particolare attenzione viene prestata all’osservanza delle regole della Quaresima, quando non si deve mangiare carne.

All’ombra del fast-food e della coca-cola

Purtroppo i messicani, soprattutto quelli che vivono nelle grandi città, stanno abbandonando la loro grande cucina a favore del modo di mangiare americano. I fast-food di scarso valore bevuti con l’onnipresente Coca-Cola provocano l’obesità, che è diventata un problema sociale in Messico. Ben il 70% della popolazione del paese sta lottando contro il sovrappeso. È difficile credere che, alla ricerca della modernità, rinuncino incautamente alla loro sana tradizione culinaria basata su frutta e verdura fresca.