Come si fa? vol.1

Le piastrelle messicane sono abbastanza popolari a causa dei loro colori audaci e dei loro ricchi disegni. Sono semplicemente belli. Purtroppo, per alcuni, i loro vantaggi possono essere uno svantaggio, quindi abbiamo deciso di creare una composizione di piastrelle che vi permetterà di introdurre alcuni tocchi messicani al vostro interno, pur mantenendo lo stile individuale della stanza. I nostri patchwork sono anche una soluzione per coloro che amano colori di piastrelle più calmi o armoniosi. Ed è esattamente così che abbiamo cercato di scegliere i colori. Abbiamo chiesto al produttore messicano una caratteristica per i colori messicani delle piastrelle di ceramica, e poi abbiamo cercato di sceglierli mentre creavamo i patchwork, in modo che non solo fossero coerenti tra loro, ma si adattassero anche ai nostri interni polacchi. Sì, è stata una vera sfida! Dopo tutto, il Messico è un paese completamente diverso – culturalmente, storicamente, … a colori.

Finale 10

Alla fine, abbiamo creato circa 10 patchwork, che poi sono passati attraverso la nostra verifica interna, e poi sono stati sottoposti a severe critiche dai nostri clienti e lettori del blog 😉 Questo ha permesso di scegliere 5 vincitori. I patchwork si sono subito piaciuti, e abbiamo guadagnato ancora più simpatia per loro. Ogni patchwork ha ricevuto il proprio nome, associato alle nostre ispirazioni per la sua creazione.

Malaquita – dalla malachite, un bellissimo minerale con diverse sfumature di verde

Malaquita

Borgoña – dalla regione francese famosa per la produzione di squisiti vini rossi

Borgoña

Caramelo – associato alle caramelle al caramello

Caramelo

Ciruela – da “prugna”; è associato a un cesto pieno di diverse varietà di prugne raccolte direttamente dall’albero, ma in Nord America la ciruela è un frutto separato con un gusto solo leggermente simile ad alcune varietà di prugne polacche

Ciruela

Intenso – è un patchwork intenso i cui colori sono presi dai paesaggi e dall’architettura messicana.

Intenso

Ognuno di questi patchwork ha il suo fascino. Il patchwork Malaquita è il mio preferito e se avessi la possibilità, lo metterei non solo in un posto dell’appartamento. Oltre al motivo sopra il piano della cucina, lo ripeterei nella doccia del bagno, per esempio. Sarebbe perfetto con accessori nautici. La Borgona patchwork andrebbe bene in interni accoglienti per gli amanti del verde. Forse qualche fico d’India messicano, agave o aloe vera? Carmelo creerà un interno caldo in combinazione con il legno. Ciruela è un patchwork adatto a qualsiasi stanza, anche come motivo decorativo nella stanza dei bambini. E Intenso lo dedichiamo ai proprietari di spazi colorati più tranquilli. Un patchwork così intenso ravviverà certamente l’interno, e aggiungendo alcuni elementi decorativi provenienti dal Messico, introdurremo un’atmosfera veramente messicana nella nostra casa.

Casa messicana sulla Vistola

Il design degli interni è spesso ispirato da viaggi in parti lontane del mondo. Affascinati dallo stile delle decorazioni per la casa nei paesi esotici, vogliamo portare queste composizioni sotto i nostri tetti.

Grazie a questo approccio, gli appartamenti acquistano un carattere individuale, che riflette la personalità dei membri della famiglia e le loro passioni.

 C’è un metodo in questa follia

Se siete tentati di decorare i vostri interni in stile messicano, ricordiamo alcune regole. Non cerchiamo di prendere tutte le soluzioni alla lettera.

Più il principio è valido, meglio è, la ricchezza di colori e contrasti, così caratteristici delle case messicane, nella cultura interna polacca può essere un po’ uno shock. I colori che sembrano favolosi sotto il caldo cielo messicano, alla nostra latitudine, sembreranno artificiali. Allora, come si fa a portare in casa elementi di stile messicano in modo sicuro? La cosa più importante è disporre tutti gli ambienti secondo un concetto coerente, con coerenza cromatica.

Per dare il benvenuto

Segnaliamo i nostri gusti dalla porta d’ingresso stessa. Appendiamo loro una targa di benvenuto in ceramica o dei bellissimi numeri dipinti a mano che indicano il numero dell’appartamento.

Nella sala sopra la cassettiera, uno specchio in una cornice decorativa in ceramica farà bella figura.

Sul pavimento, un’interessante soluzione sarà quella di posare un pavimento in terracotta di Guadalajara in terracotta ottagonale decorata con cubi colorati. Questo forte accento deve essere applicato solo nella parte centrale della superficie del pavimento e il resto deve essere rivestito di terracotta di colore neutro chiaro. La stessa idea di pavimentazione dovrebbe essere ripetuta anche in cucina e in bagno, il che renderà questi interni stilisticamente coerenti.

Il cuore della casa

In cucina, possiamo permetterci più follia di design. Per esempio, le tessere patchwork di Gael situate in luoghi che vogliamo esporre visivamente saranno belle qui. Il più delle volte si tratta di una striscia sopra il piano di lavoro e sopra il piano di cottura, così come intorno al lavello. Se avete un’isola nella vostra cucina, potete posare le stesse piastrelle sulla sua parete anteriore rivolta verso la sala da pranzo e il soggiorno. Vale la pena rinunciare ad alcuni armadietti pensili per mettere al loro posto delle mensole di legno, dove si possono esporre delle belle tazze, vasetti con prodotti alimentari, ecc. e appendere sopra di essi dei piatti dipinti a mano. Un solido lavello in rame Adelmo a due camere e un miscelatore abbinato completeranno la vostra cucina. Nella zona pranzo deve essere presente un tavolo in legno massiccio circondato da sedie, preferibilmente con schienali forgiati, cuscini imbottiti in colori riferiti a quelli utilizzati sulle piastrelle. E sopra il tavolo c’è una lampada di rame appesa sopra il tavolo, che getta bellissimi riflessi di luce.

Famiglia e zona di vacanza

Nel soggiorno, mettiamo una cassettiera in noce massiccio con eleganti accessori in ottone, e su di essa belle lampade e piante, ad esempio cactus in terracotta o vasi Talavera dipinti a mano. Un posto per riposare sarà fornito da divani, che in questa parte dell’interno dovrebbe essere un punto di colore intenso. Scegliamo uno dei colori che scorrono nelle piastrelle della cucina: mattone, arancio, albicocca, blu e ordiniamo la tappezzeria appropriata. Il soggiorno non deve rimanere senza poltrone. Le poltrone traforate sono le migliori, fatte di linee intrecciate. Tutti i mobili da seduta devono essere rivestiti con una moltitudine di cuscini colorati, preferibilmente con motivi geometrici aztechi. Le pareti del soggiorno saranno splendidamente decorate con grafiche originali che mostrano il calendario Maya.

Zona umida

Il bagno è la parte della casa dove possiamo dare sfogo alla nostra fantasia decorativa. Se abbiamo un grande bagno, vale la pena scommettere sull’originale bagno di rame Gloria. Situato a una certa distanza dalla parete e armato di un bel miscelatore Amadara a stelo sarà una vera star del bagno. La sua straordinaria bellezza può essere sottolineata da due lavabi da appoggio Kinga incastonati su un solido mobile rifinito con raccordi in ottone. Questi trogoli in ceramica a forma di mano e rifiniti con un bordo di pizzo saranno un complemento di gusto per il salone da bagno. Piante verdi piantate in vasi dipinti a mano e asciugamani morbidi forniranno una macchia di colore in questo interno. Un’altra idea per un bagno, specialmente uno con una superficie più piccola, è quella di utilizzare le stesse piastrelle patchwork Gael della cucina. Possiamo stenderne una striscia decorativa ad un’altezza di circa 2 metri nella zona umida sopra la vasca da bagno o la doccia.  Sulla seconda parete, sui mobiletti, mettiamo due lavabi Ynes dipinti a mano, di colore coerente con le piastrelle scelte in precedenza. Posizionare gli specchi simmetricamente sopra i lavabi, le cui cornici saranno dei patchwork Gael incollati al muro. Entrambi gli stili sono completati da un pavimento rivestito con il già citato tappeto in terracotta.

Sogni di colore

Gli accenti messicani non devono mancare nell’area privata della casa. Sia la camera da letto principale che la camera dei bambini non devono discostarsi dal progetto.

L’elemento più importante è un grande e solido letto, preferibilmente con poggiatesta in ottone forgiato, rivestito da un copriletto in un colore intenso, lo stesso della tappezzeria di un salotto o di un divano a contrasto. I copriletti a strisce a tessitura fitta sono molto caratteristici per gli interni messicani. Quando si sceglie una soluzione di questo tipo, occupiamoci della combinazione di colori scelta in precedenza. Il letto dovrebbe anche essere gettato con cuscini opportunamente selezionati. Come elemento decorativo della camera da letto, un originale sombrero appeso alla parete sarà una soluzione perfetta. Gli armadi e i cassettoni devono essere decorati con pomelli in porcellana dipinti a mano.

Nella stanza di un bambino, un motivo messicano può essere una carta da parati in cactus su una delle pareti, e una mensola appesa con le miniature di queste piante in vasi colorati sull’altra. Una tazza patchwork colorata può essere posizionata sulla scrivania dello studente per riporre pastelli e matite.

Siesta estiva

Nel nostro clima possiamo sentirci quasi come in Messico per alcuni mesi dell’anno. Quando si sistemano balconi e terrazze, impazziamo di colori. Prima di tutto, un pavimento favolosamente colorato fatto di piastrelle di cemento dipinte a mano farà un bell’effetto. Scommettiamo su quelli nei toni del verde e dell’arancione. I tavoli possono essere dipinti in mattone o di colore verde. Su mobili in vimini o rattan mettiamo coperte e cuscini a fantasia. La terrazza dovrebbe sprofondare nel verde piantato in imponenti vasi di terracotta. Questa disposizione può essere completata dalle figure di rane messicane in ceramica che si arrampicano sulle pareti del nostro manicomio verde. E un altro elemento, senza il quale è difficile immaginare una siesta perfetta. L’amaca, perché è un must-see in ogni casa messicana. Troviamo un posto anche sulla nostra terrazza.

Ceramica Talavera

I prodotti ceramici con il nome generale di Talavera sono prodotti del comune di San Pablo del Monte. Si precisa che i primi articoli di Talavera iniziarono ad essere prodotti in Messico nel XVI secolo. Il nome stesso deriva dalla città spagnola di Talavera de la Reina, dove ha iniziato a produrre questo tipo di faenze. Con la conquista del Messico da parte degli spagnoli, gli artigiani sono arrivati nel territorio conquistato, che hanno trasferito lo stile e il modo di produrre ceramica dal continente, tanto che molte influenze andaluse e arabe sono visibili nei colori e nei disegni.

Caratteristiche della ceramica di Talavera

Le ceramiche di Talaver sono caratterizzate da un’argilla bianca lattiginosa. Le pentole e gli altri piatti arrotondati sono prodotti con il tornio da vasaio. Nel caso di prodotti decorativi con forme diverse da quelle cilindriche, il materiale è modellato da un artigiano. Tutti i prodotti Talavera sono dipinti a mano con pigmenti naturali. Vale la pena ricordare che la maiolica originale di Talavera è prodotta in fabbriche di ceramica certificate. Ogni prodotto originale Talavera deve essere contrassegnato con la firma, il logo e l’ologramma dell’artigiano. Tali prodotti sono molto costosi perché la loro quantità è controllata e limitata dal Consiglio Regolatore Messicano Talavera.

Inizialmente il colore di base della ceramica Talavera dipinta era il blu e le sue sfumature. Tuttavia, a causa del prezzo del colorante, si cominciò ad utilizzare il verde, il giallo, il viola e il nero, e più tardi le arance e i rossi.

Gli elementi decorativi di Talavar

Pablo è famoso per i suoi elementi decorativi, i messicani amano le figurine, le tazze, i piatti con bellissimi motivi colorati. Sono spesso molto popolari, presi dalla cultura Maya e Azteca, dai prodotti a forma di sole e di luna. Pentole e tazze con un caratteristico motivo Talaver sono popolari.

Il colorante applicato alla ceramica Talavera è molto denso, che dopo il processo di smaltatura permette di ottenere un effetto 3D, e l’uso di luce appropriata può approfondire questo effetto e saturare ulteriormente il colore.

All’inizio del XX secolo ha avuto inizio la collezione di ceramiche di Talavera. A causa del fatto che la quantità di prodotti originali Talavera prodotti è limitata in modo controllato, i prezzi delle ceramiche da collezione possono essere molto alti.

Piastrelle Talavera

Si tratta di piccole opere d’arte, soprattutto patchwork. Questi tipi di piastrelle erano spesso decorate con motivi che simboleggiavano fiori o animali. Essendo prodotti a mano, non sono identici, il che conferisce loro uno stile originale e individuale.

Le piastrelle monocolore sono molto popolari. I colori più comuni delle piastrelle di Talavera sono il blu, il giallo, l’arancione e il verde.

Dove utilizzare la ceramica Telavera

Ovunque il designer voglia dare alla stanza uno stile individuale e orientale. Queste ceramiche sono perfette per spazi rustici e industriali. Piastrelle con ricche decorazioni possono decorare l’ambiente di specchi, porte e finestre. Si armonizzano perfettamente con il camino. Gli elementi della piccola architettura di Talaver enfatizzeranno sicuramente lo stile dello spazio ed enfatizzeranno l’atmosfera.

Ceramica messicana

Le rovine delle antiche città di Olmeky nascondono reperti che indicano che più di 3000 anni fa furono realizzati i prototipi delle ceramiche messicane di oggi. Si presume che il popolo olmeca sia vissuto negli anni 1500 a.C. – Nell’800 d.C., tra l’altro, si producevano figurine di argilla e i primi prodotti di utilità in argilla, come ciotole e brocche.

Cenni storici sulla ceramica messicana

Nella nostra epoca, tra il 100 e l’800, la ceramica veniva prodotta su scala più ampia in Messico. Gli oggetti in argilla erano caratterizzati da una maggiore precisione, le loro forme erano geometriche e la superficie era sempre più lavorata, come la macinazione. Gli oggetti trovati a Teotihuacans indicano una crescente varietà di ceramiche. Vasi, coppe e altri oggetti di uso quotidiano erano talvolta decorati con figure umane e animali. All’epoca le ceramiche erano fatte di argilla e argille in tonalità rosse o con coloranti naturali.

Teotihuacans

I Maya e gli Aztechi

Il vero sviluppo della ceramica cade negli anni in cui dominavano i popoli Maya e Aztechi. I Maya sono una civiltà più antica che ha avuto un enorme impatto sulla cultura e l’arte dell’attuale Messico. Si stima che la civiltà Maya fiorì tra il 400 a.C. e il 250 d.C. I Maya erano molto attenti alla precisione matematica, anche se non conoscevano il cerchio e la distanza. Erano noti per il loro amore per i dipinti murali. Gli esperti in materia concordano sul fatto che l’arte praticata dai Maya era ad un livello superiore rispetto ai paesi europei.

I messicani, i cui anziani erano chiamati Aztechi, vivevano in quello che oggi è il Messico. Il centro più importante e più grande degli Aztechi era la città di Tenochtitlan, dalla quale gli archeologi ottennero molti oggetti che raccontavano la cultura dell’epoca. Era un enorme agglomerato per l’epoca, con tra i 60.000 e i 200.000 abitanti. Poiché gli Aztechi non conoscevano il denaro, il commercio si basava sullo scambio e qui si dice che la ceramica era un mezzo di pagamento popolare. Ogni regione abitata dagli Aztechi aveva le sue tecniche, spesso uniche, per creare ceramiche e colorare gli oggetti prodotti. Una forma molto popolare di decorazione di pareti e pavimenti era costituita da piastrelle in argilla naturale, rosso e arancione. È interessante notare che al giorno d’oggi, soprattutto nelle zone rurali del Messico, esistono ancora tecniche di fabbricazione della ceramica, simili a quelle utilizzate dagli Aztechi.

Talavera

Tempi coloniali

L’inizio del XVI secolo fu l’arrivo degli spagnoli e la conquista delle terre messicane. Questo è stato collegato a nuovi modelli estetici e modi di realizzare prodotti ceramici. Sono stati creati nuovi stili, come la maiolica e la talavera. Si tratta di una ceramica molto popolare e lo stile è famoso in tutto il mondo. Con l’arrivo dei coloni spagnoli, la cultura messicana ha iniziato ad attingere allo stile arabo e andaluso. Quindi, i colori del deserto, i gialli scuri, gli arancioni e i rossi e i colori del cielo si ritrovano nei colori.  Gli artigiani messicani hanno iniziato a produrre più piastrelle per decorare pareti e pavimenti. Le piastrelle sono diventate più modellate e i decori delle piastrelle simmetrici, con una notevole simbologia di fiori.

Una categoria a parte era la ceramica con i simboli della morte. Oltre alle figurine che simboleggiano il Dia de los muertos, la festa messicana dei morti, sono state prodotte tessere con simboli di teschio, scheletro e tutto in un allegro stile multicolore.

Patchwork Catrina

Simbolismo del cranio nella ceramica messicana

La Festa dei Morti, Dia de los muertos è percepita dai messicani in modo completamente diverso rispetto ad altri paesi cattolici. È divisa in due parti, il primo giorno del 30 ottobre, le famiglie messicane si preparano a ricevere gli spiriti dei bambini. È un giorno gioioso in cui, secondo le credenze, sarà possibile parlare con lo spirito di un bambino. Il primo giorno di novembre, però, i messicani aspettano di incontrare gli spiriti degli adulti, e anche qui la gioia dell’incontro è dominante. Per questo motivo il simbolismo del teschio, così spesso applicato su piastrelle di ceramica, è multicolore e spesso abbinato a dipinti di bambini e animali.

La morte, secondo il popolo messicano, è solo una parte della vita che permette un ulteriore viaggio verso un mondo migliore, quindi è indifferente e piuttosto allegra. I patchwork di piastrelle con il simbolismo del teschio si trovano in molte case messicane e non suscitano paura o sorpresa.

Ceramica messicana contemporanea

La ceramica è uno dei mestieri più comuni in Messico. La tradizione, la lavorazione e le tecniche di tintura della ceramica passano di padre in figlio. La ceramica messicana è una grande varietà. Vengono realizzati piatti come brocche, tazze e bicchieri. Anche i prodotti decorativi, i piatti, le figurine, le scodelle, le ciotole, le piastrelle e la terracotta sono un’offerta molto ampia.

Una tradizione relativamente nuova è la produzione artigianale di ceramica sotto il nome comune di “arte popolare”. Si tratta di ceramiche prodotte per i mercati di altri paesi, dove si sottolinea la tradizione messicana. Tuttavia, sono spesso prodotti realizzati in fabbriche che riflettono l’atmosfera del Messico, hanno una dimensione e una forma ripetibile, ma non hanno un elemento molto importante, fatti a mano per molte persone. Spesso le piccole fabbriche hanno un’offerta per la gente del Messico meno esigente e un’altra di migliore qualità per l’esportazione. Questo permette ai clienti di tutto il mondo di godere dei colori e dello stile messicano.

Guadalajara

L’uso della ceramica messicana

In Polonia, grazie ad alcuni negozi è possibile acquistare originali piastrelle di terracotta messicana, che sono per lo più in mattoni o di colore arancione. Le piastrelle possono essere macinate, smaltate o meno. Gli attuali metodi di produzione della terracotta messicana permettono di mantenere alta la durata e la qualità. Le piastrelle sono di solito in dimensioni ripetibili, il che rende l’applicazione molto facile. Oltre al cotto, si possono acquistare diversi smalti che, a differenza dei pavimenti, sono modellati e dominati dai colori rosso, arancione, giallo, verde e blu.

Piastrelle messicane

Grazie alla sua qualità e alla sua durata, la terracotta può essere utilizzata ovunque si muovano molte persone. Possono essere atrii, corridoi, e sono spesso utilizzati nelle cucine e nei bagni, dove sottolineano il loro stile e il loro carattere. La terracotta messicana è perfetta per terrazze e giardini d’inverno.

Lo smalto messicano può essere utilizzato per rifinire intere pareti, oltre che per marcare alcuni frammenti di piani, per dare carattere allo spazio scelto. Le piastrelle messicane possono essere utilizzate in cucina e anche in soggiorno, ad esempio vicino al camino. Lo smalto messicano a fantasia decorerà meravigliosamente uno specchio o una finestra o un sito di installazione della porta. Vale la pena di menzionare le meravigliose statuette messicane, che possono decorare il posto del soggiorno o della cucina.

Lavabi Messicani dipinti a Mano – Ceramica Messicana Talavera

I lavabi messicani presentano ornamenti dipinti a mano sia sulla sua superficie interna che esterna, mentre la forma appiattita e arrotondata dei lavandini rende tutti gli ornamenti visibili fin dal primo sguardo. Il lavandino messicano è decorato a mano, il che rende ognuno di essi un pezzo unico di artigianato messicano, quindi il lavandino consegnato potrebbe differire leggermente dalla ciotola presentata nella fotografia.


I lavabi decorati in ceramica messicani sono abbastanza profondi da impedire all’acqua corrente di fuoriuscire all’esterno del lavandino. Nelle fotografie della ciotola si possono vedere i riflessi della luce. Questo lavandino decorato a mano è realizzato con la tradizionale tecnica Talavera e proviene dalla città di Dolores Hidalgo nel Messico centrale. La tecnica Talavera è famosa per la ricchezza del design e dei motivi, nonché per l’intensità dei colori che sono così caratteristici per il Messico bagnato alla luce del sole.

Forniamo il nostro lavandino messicano in ceramica decorato a mano in tutti i paesi europei e nella maggior parte dei paesi extraeuropei. Se non vedi il tuo paese nell’elenco dei paesi nelle opzioni di spedizione, invia un’e-mail in modo che possiamo citare i costi di spedizione e aiutarti con la consegna.