La storia di rame di Santa Clara Del Cobre – Parte I

“Cobre” significa “rame”

“Nei giorni di sole c’è un caratteristico bagliore arancione intorno al mercato di Santa Clara del Cobre, in Messico. È un riflesso delle merci di rame appese davanti ai negozi, il bollitore di rame appeso in cima al chiosco che segna il centro della città, e i pilastri, i tetti e gli ornamenti architettonici che rendono omaggio alla città”.

Questo è uno dei resoconti impressionistici che mostrano la già citata Santa Clara del Cobre in Messico: una pittoresca cittadina immersa nelle montagne del Michoacan. La città è permeata da un sapore ramato, che abbraccia con grazia ogni manifestazione della vita quotidiana – la chiesa locale di Nuestra Señora del Sagrario (Nostra Signora del Rifugio), dedicata a Santa Chiara d’Assisi, la patrona della città. La chiesa locale di Nuestra Señora del Sagrario (Nostra Signora del Rifugio), dedicata a Santa Chiara d’Assisi – la patrona degli artigiani – è adornata internamente con bellissimi candelabri di rame; il Museo del Rame (Museo Nacional del Cobre – si dice che l’intera città sia un museo vivente) e l’annuale Festival del Rame in agosto (Feria del Cobre), una settimana di celebrazione di letteralmente ‘tutte le cose di rame’, con musica, danze locali, cibo e soprattutto artigianato, incluso: una competizione di forgiatura del rame. Gli indigeni della regione di Michoacán, i purépecha, abitano la zona dal XIV secolo e sono considerati i metallurgisti più avanzati del mondo. Lavoravano il rame per adornare i loro corpi con collane di perline, pettorali e oggetti cerimoniali in forma di figure antropomorfe e campane. I bisogni utilitaristici, d’altra parte, erano soddisfatti nella produzione di filo metallico, asce, ami da pesca, ecc. È qui che il martello di rame è stato inventato per la prima volta. Il rame è stato originariamente utilizzato per fare cazo (pentole e padelle), venduto in tutto il paese, a causa della sua importanza nella cucina tradizionale ed etnica messicana. Molti prodotti in rame sono stati prodotti nel corso degli anni, compresi i lavandini in rame fatti a Santa Clara del Cobre, in Messico, che sono considerati i migliori al mondo per qualità, bellezza e maestria.

Processo e circostanze

L’attività economica della città è strettamente legata alla produzione manuale di oggetti in rame da parte di più di 2.000 artigiani. I negozi gestiti da loro sono di solito modeste e strette estensioni di case, con ogni membro della famiglia che ha le sue mansioni nel negozio. I dintorni del negozio e le sue appendici rivelano un tesoro inesauribile di artigianato: lampade di rame, lavandini di rame o lavabi di rame. Ognuno di questi prodotti è una composizione artigianale autentica e unica.

Ognuno di questi prodotti
è un autentico
e unico
composizione artigianale.

Il processo di produzione dei recipienti di rame inizia con la stima precisa delle dimensioni di un blocco di rame puro e solido. Il grumo viene poi riscaldato a temperature roventi, dopo di che subisce un repertorio di operazioni: martellatura, assottigliamento, sagomatura, rifilatura, sbiancamento, levigatura e decorazione a rilievo. L’enormità del lavoro e dell’impegno è evidenziata dal fatto che la martellatura iniziale può richiedere diverse persone con potenti mazze per appiattire il rame in una forma che permetta un’ulteriore lavorazione. Nel corso del tempo, il calibro degli strumenti cambia – quando un pezzo di rame diventa più sottile, si usano martelli più piccoli. Sorprendentemente, gli artigiani usano spesso i loro strumenti fatti a mano, naturalmente in rame. Questo dimostra una certa armonia e coerenza. La precisione e la meticolosità sono invariabilmente la chiave, è estremamente difficile correggere gli errori in una fase successiva. Molto spesso l’unica soluzione è semplicemente ricominciare da capo, rifare tutto lo sforzo elaborato dall’inizio.
Il rame è una risorsa scarsa. Le miniere di rame della regione di Santa Clara del Cobre hanno cessato di funzionare nel XIX secolo, quindi gli artigiani usano rottami e rame riciclato. Questo richiede poi la fusione, che viene effettuata anche nelle botteghe domestiche con una tecnica tradizionale e semi-mistica: si fa una fossa (cendrada) nel terreno, coperta di cenere di quercia (petacua) e circondata da “pietre di fuoco” (yápicua) (yápicua).

Il rame in cucina

Nell’antichità, il rame veniva estratto a Cipro, da cui il nome cuprum. Il rame ha una conducibilità termica ed elettrica molto elevata. A causa del fatto che il rame è un metallo abbastanza costoso, le leghe di rame con stagno e zinco sono usate principalmente in cucina, che sono chiamati bronzi e ottoni, anche se spesso si possono trovare anche prodotti in rame puro.

Utensili di rame in cucina

I designer si rendono sempre più conto di come le tonalità di rame possano cambiare l’aspetto e la sensazione di una cucina. I progetti spesso includono lavandini e lampade in rame o leghe di rame. Un comune colore di fondo che contrasta con i colori del rame è tutto bianco.  Permettono di evidenziare gli elementi decorativi nel caratteristico colore dell’oro antico.

Il rame o le sue leghe sono attualmente utilizzati in una gamma molto ampia di articoli di utilità, da pentole, padelle e padelle, attraverso vari tipi di lampade, a rubinetti e lavandini. I prodotti in rame hanno spesso una patina caratteristica, che conferisce all’ambiente un aspetto caldo e classico.

Inizialmente i prodotti in rame erano associati a stili vintage e glamour, ma sempre più spesso i prodotti in rame si trovano in spazi caratteristici dello stile industriale e scandinavo.

I prodotti in rame più sofisticati sono oggetti lavorati a mano, caratterizzati da una maglia fine che viene creata dal processo di fabbricazione. I prodotti più comuni realizzati in questo modo sono lavabi e lampade. Le piastrelle di rame stanno diventando un elemento sempre più comune nelle finiture delle cucine. Possono apparire come rame puro o può essere una piastrella di ceramica rivestita con questo metallo colorato.

Rubinetti in rame

Per le sue proprietà, il rame è molto spesso utilizzato come metallo per la produzione di batterie. I raccordi in rame sono caratterizzati da un’elevata resistenza alla corrosione e ad altre condizioni ambientali. Questo ci permette di credere che i raccordi ben mantenuti possano funzionare correttamente per diversi decenni. Spesso si trovano batterie di rame rifinite con piccoli elementi decorativi in ceramica o legno.

Impatto del rame sulla salute umana

Oltre alle loro indiscutibili qualità estetiche, i prodotti di utilità in rame sono caratterizzati da un elevato impatto sulla salute umana. Numerosi studi confermano l’effetto antisettico del rame, da cui le sue numerose applicazioni negli edifici sanitari, ad esempio in cliniche, ospedali, case di cura, ecc.

L’influenza del rame sull’inibizione dei processi infiammatori nel corpo umano è nota. Inoltre, il rame influenza il processo di regolazione dell’apparato digerente e migliora la peristalsi intestinale.

Come conservare i prodotti in rame?

I prodotti di rame che si sono leggermente sporcati possono essere immersi in un bagno di acqua calda e scaglie di sapone e poi strofinati con un panno morbido. Dopo averli sciacquati in acqua alla stessa temperatura, non pulirli, ma lasciarli asciugare in un luogo arieggiato.

I prodotti di rame diventati più sporchi possono essere lavati con una soluzione di sapone in fiocchi e acqua calda con succo di limone o ammoniaca.  In nessun caso i prodotti in rame devono essere strofinati con detergenti corrosivi. Dopo il lavaggio, si può applicare un sottile strato di olio commestibile sui prodotti di rame.

I piatti di rame sono sani?

Piatti di rame e salute

Spesso, nei film del Medioevo, o di epoche meno lontane da noi, si possono vedere piatti, brocche, tazze e pentole di rame nelle attrezzature della cucina. Sono molto belli, a volte coperti di patina, creano l’atmosfera della stanza, ma sono sani?

E’ venuto fuori che anche molto. I nostri antenati del nostro bisnonno ci forniscono informazioni su come funzionano le piante, su come usare le cose di tutti i giorni, se sono dannose o il contrario. Questo è particolarmente evidente nella medicina erboristica. Questo vale anche per gli oggetti di uso quotidiano, in questo caso i piatti di rame.

Il rame nella sanità

Gli studi dimostrano che il rame ha un effetto antisettico e uccide batteri e microrganismi. Spesso nelle stanze d’ospedale si possono vedere apparecchiature con superfici di rame che uccidono quasi il 100% dei batteri che causano infezioni ospedaliere.

L’acqua che si trova in un recipiente di rame assorbe gli ioni di rame e

bevendola una persona acquisisce i microelementi così necessari nel corpo. La dieta abituale è purtroppo sterile e deve essere integrata con vari integratori.

Acqua da un vaso di rame nella medicina ayurvedica

 

 

La medicina ayurvedica indica l’acqua di un recipiente di rame come fonte di tre tini, Pitta e Kapha. La preparazione di tale acqua è banale, la sera riempiamo il recipiente di rame con l’acqua e la mattina è pronta per essere bevuta. È molto buono bere un bicchiere d’acqua a stomaco vuoto. Una condizione importante è che il piatto non deve essere lavato con detersivi, ma solo con succo di limone e/o bicarbonato di sodio. Nella nostra offerta troverete brocche climatiche adatte.

L’effetto del rame sul corpo umano

I recipienti di rame possono aiutare in molti casi, hanno delle proprietà:

  • Antisettico
  • Oligodinamica, eliminare batteri, pneumococchi, virus, alghe, agenti patogeni dall’acqua
  • I composti di rame sono necessari per i processi di formazione del sangue
  • Essi regolano naturalmente la peristalsi intestinale e la funzione dell’apparato digerente
  • Il rame inibisce i processi infiammatori nel corpo
  • Rallenta il processo di invecchiamento
  • Regola la funzione tiroidea
  • Inibisce l’anemia
  • Supporta la produzione di melanina responsabile del colore della pelle e dei capelli
  • Stimola l’attività neurologica del corpo

Inoltre, i piatti di rame sono BELLI, vero?