Bagno in stile marocchino

Tre città sono considerate la capitale della ceramica marocchina: Safi, Fez e Mekenes. È qui che si trovano le fabbriche che producono ceramiche popolari e apprezzate nel mondo. Le prime testimonianze della produzione della ceramica marocchina risalgono all’VIII secolo, ma fiorì nel XV secolo.

 Caratteristiche della ceramica marocchina

I colori delle decorazioni marocchine sono influenzati dalla cultura araba, i colori prevalenti qui sono quelli che si riferiscono al deserto, cioè blu, nero, verde, rosso, giallo e arancione.

Se parliamo di design, possiamo tranquillamente dire che è audace, addirittura audace. È caratterizzato da motivi geometrici che sottolineano l’ordine e l’ordine. La loro struttura è perfetta. E quando si finisce il bagno in questo stile, si ottiene esattamente quel carattere di una stanza: colorata ma sommessa, modellata ma ordinata.

Piastrelle marocchine

 

Le piastrelle prodotte con il metodo tradizionale di smaltatura e cottura sono caratterizzate da un’altissima resistenza all’abrasione. Possono essere monocolore o decorati con ornamenti geometrici.

 

Le piastrelle decorate con motivi possono formare un patchwork, il cui sfondo monocolore sarà un perfetto complemento alla composizione. Potete scegliere i colori che vi permettono di mantenere qualsiasi stile e carattere del vostro bagno. Dalle sfumature della sabbia, attraverso i rossi e gli arancioni, alle sfumature del blu.

Le piastrelle a motivi marocchini saranno perfette come decorazione del box doccia, potrete usarle per segnare la linea della vasca da bagno, sottolineare il posto del lavabo. Spesso le tegole marocchine fungono da cornice a specchio, che in combinazione con un’illuminazione appropriata danno un effetto sorprendente.

Lavabi marocchini

È un incredibile elemento decorativo del bagno che ha una funzione di utilità. Nella maggior parte dei casi, i lavabi prodotti in Marocco sono decorati a mano, il che è ovviamente un modo tradizionale di produzione.

I lavabi marocchini sono caratterizzati da un motivo geometrico, spesso molto fine, che mostra l’arte dell’artista di decorare la ceramica in tutto il suo splendore. Il disegno può essere così intricato eppure così perfettamente realizzato che sembra addirittura impossibile che sia stato creato dall’uomo.

Non abbiate paura dello stile arabo nel vostro bagno

 

Certo, si può dubitare che un tale design non dominerà il bagno, ma in realtà non c’è nulla di cui aver paura. Le piastrelle posate a pavimento in un unico colore e in diverse tonalità saranno la base perfetta per la successiva decorazione del bagno.

Un patchwork di piastrelle decorate con un motivo geometrico nella cabina doccia o vicino alla vasca da bagno può contrastare con le altre pareti o essere dello stesso colore e marcare solo il carattere distintivo dello spazio. L’ambiente dello specchio è un luogo in cui le piastrelle del modello possono essere posizionate in completo contrasto con le altre superfici del bagno. Sarà uno dei principali elementi decorativi del bagno.

Il lavabo marocchino prodotto in modo tradizionale è nella maggior parte dei casi in forma da tavolo. Solo questo modo di assemblare metterà in risalto il design e la maestria unica dell’artista.

Aggiungete a questo un miscelatore in rame o in ottone e otterrete un bagno unico, notevole, accattivante e insolito.

Prodotti ceramici marocchini

La ceramica marocchina è satura di un conglomerato di culture diverse, che con il passare del tempo hanno lasciato il segno nei colori e nei motivi applicati alla porcellana. Romani, vandali, greci bizantini, insieme alle loro conquiste, portarono modi di produzione, tintura e design.  Tuttavia, l’Islam, a cui gli indigeni barbieri si convertirono nel VII secolo, è più evidente e determina soprattutto i motivi e le forme su tegole e piatti.

  Un breve profilo storico della ceramica marocchina

Idrys II, figlio del fondatore della dinastia Idriside fondata alla fine dell’VIII secolo, costruì l’ancora famosa città di Fez, che divenne la capitale della ceramica e diede inizio allo sviluppo della cultura e della scienza. Fez sorprende per il design e la qualità delle sue ceramiche. Le modalità di produzione tramandate di padre in figlio sono oggi sorprendenti, coinvolgenti con la tavolozza di diverse tonalità di blu, creata sulla base dell’ossido di cobalto qui prodotto.

I centri di produzione più importanti sono il già citato Fez e la famosa ceramica incamiciata Safi. Oltre al metallo applicato alla ceramica, i prodotti Safi si differenziano anche per il colore da quelli di Fez. Le ceramiche di Fez sono principalmente di cobalto e bianche, mentre la maiolica di Safi è caratterizzata da una varietà di colori. In entrambi i casi si possono vedere i colori moreschi e spagnoli.

La ceramica marocchina e il suo design

Le tribù marocchine, e soprattutto quelle del nord, riproducono il disegno che fu applicato duecentotrecento anni prima, come indicano gli scavi.

Le influenze arabe mostrano pienamente i colori del deserto, i gialli, gli arancioni, i rossi e i colori del cielo, tutte le sfumature del blu. I motivi posti sulla ceramica, che simboleggiano la fioritura, sono simmetrici e persino perfettamente precisi. Può sorprendere che questo metodo di produzione sia sopravvissuto per centinaia di anni ed è per lo più frutto dell’artigianato. L’equilibrio di motivi maschili che simboleggiano motivi simmetrici e geometrici con motivi femminili che simboleggiano fiori e foglie – arabeschi – è visibile nel disegno. I colori e il design sono ben rappresentati sui lavabi fatti a mano.

Processo di produzione della ceramica marocchina

La produzione della ceramica marocchina è un processo noioso e laborioso e può essere suddivisa in diverse fasi:

1. Acquisizione di argilla
Gli artigiani devono la loro produzione all’argilla rossa ottenuta, contenente pezzi di roccia in polvere. I minerali e le rocce vengono ridotti in polvere ed è così che si crea l’argilla in polvere.

2. Klinking
Si tratta di un processo di miscelazione di argilla in polvere con leghe di acqua. Questo modo di mescolare l’argilla permette di eliminare le bolle d’aria dal materiale e di legarlo.

3. Modulo
Sul tornio da vasaio, l’artigiano dà l’anima a un pezzo di argilla, che si trasforma in una perfetta creazione geometrica. Infatti, questa attività permetterà di ottenere una qualità incredibile e una forma perfetta.

4. Licenziamento
Dopo aver formato la forma dell’oggetto, l’argilla si asciuga per alcuni giorni e viene poi cotta in forno alla giusta temperatura.

5. Vetri
La smaltatura consiste nel ricoprire il manufatto con una miscela di vetro, argilla e colorante, in modo da ottenere l’effetto atteso dall’artista.

6. Decorazione
Si tratta di un processo di applicazione di modelli complicati a mano da parte di un artigiano.

7. Fuoco finale
È un’attività che dà l’aspetto finale e le caratteristiche della ceramica prodotta.